Chi siamo

Gru

Siamo il gruppo locale bergamasco del Centro Diffusione Origami e siamo uniti dalla passione per  l’ Origami.  Il nostro obbiettivo è diffondere questa antica Arte tramite  esposizioni, laboratori , corsi origami.  Ci incontriamo ogni mercoledì sera a Mozzo ( Bg) nella sala polivalente della Biblioteca comunale. Amiamo piegare  la carta in tutte le sue più svariate filosofie e scuole di pensiero. Siamo attivi sul territorio dal 1998 , partecipando a eventi  e organizzando esposizioni annuali.

Se sei interessato a conoscere e diffondere l’origami, puoi contattarci scrivendo a:

              
 
                                                                                       scrivimi@bergamorigami.it

 

vanda 011Mi chiamo Vanda Battaglia, sono nata a Bergamo  nel 1958, attualmente lavoro nell’ambiente sanitario, sono sposata e ho due gemelli maschi che vivacizzano la mia vita.

Da sempre mi avvicino alle arti manuali più svariate, nel 1998 ho conosciuto l’origami per gioco e me ne sono innamorata, la carta é un materiale che mi affascina, l’unione di questi elementi fondamentali ha fatto si che continuassi la conoscenza dell’origami fino a specializzarmi in miniature e in particolare nei gioielli. Sono una creatrice occasionale, piego principalmente modelli di altri autori, la mia creatività si esprime nella riduzione del  modello originale e nella scelta della carta, dove cerco di valorizzare al meglio il modello, prediligo il modulare e il geometrico.

Faccio parte del gruppo “Bergamorigami” dal 1998  e sono socia dell’associazione nazionale CDO  dal 1999, nello stesso anno partecipo con il gruppo alla mia prima esposizione da allora allestisco in media una mostra all’anno. Nel 2009 entro a fa parte del direttivo CDO ricoprendo il ruolo di responsabile mostre.

 

 

 

CSC_0205

Sono nato nel 1956 a Bergamo. Ho coltivato per conto mio vari hobby, ma è stato solo nel 1992 che per caso ho conosciuto l’origami.Visitai una vasta esposizione di modelli e ne rimasi molto impressionato. Non avrei mai piegato se non avessi voluto rifare una scatolina che mi regalarono piegandola davanti ai miei occhi. Incontrai poi altri origamisti grazie ai quali ebbi modo di consolidare le mie esperienze. Ma il grande salto avvenne quando partecipai al mio primo convegno annuale del Centro Diffusione Origami (C.D.O.) ( www.origami-cdo.it). La mia timidezza era completamente fuori luogo. Mi sono trovato subito benissimo anche se ero in mezzo ai “guru” dell’origami. Il convegno è l’occasione per approfittare degli autori di vari modelli esposti che sono presenti in carne ed ossa ed ai quali poter chiedere lumi sui vari aspetti del modello: tipo di carta, dimensioni, tecniche di piegatura, trucchi e trucchetti vari oltre che poter piegare direttamente insieme a loro quegli stessi modelli. Non ho più perso un convegno ed ogni volta sempre come se fosse la prima. Con il passare del tempo ho imparato a conoscere ed apprezzare numerosi autori insieme ai loro stili e sempre con il tempo ho capito che alcuni settori mi attraggono più di altri. Un po’ per gioco ed un po’ per caso ho iniziato a scoprire o più spesso a riscoprire, modelli già scandagliati da altri prima di me. Nel 2001 sono stato chiamato a far parte del comitato direttivo all’interno del C.D.O. Sempre con il passar del tempo è cresciuto il numero degli amici bergamaschi con i quali ho portato in giro l’origami un po’ dovunque attraverso esposizioni varie tra le quali alcune sono memorabili. Nel 2010 sono stato invitato come ospite d’onore al convegno degli origamisti polacchi e nel 2011 sono stato invitato anche al convegno degli origamisti svizzeri. Attualmente mi sto occupando dei rapporti tra origami e scuola. Le potenzialità sono enormi e riguardano tanto il processo che il prodotto finito. Per quanto riguarda il processo è fin troppo facile ricordare quanto sia trascurata la manualità al giorno d’oggi. L’origami può recuperare questa mancanza oltre che rinforzare aree specifiche di manualità come la motricità fine. Invece dal punto di vista del prodotto l’origami consente di fare geometria “concreta” in modo comunque rigoroso ed anzi spesso risulta più potente della classica geometria euclidea. Penso che fare origami sia poi anche una forma d’arte. Credo che ogni origamista esprima qualcosa della sua personalità sia attraverso i modelli che inventa, sia nel modo di piegare.

E la ricerca continua…

Piegare per credere. Francesco Decio